EventiNews

CERCHIO DI MEDITAZIONE CON DIDGERIDOO & HANDPAN

DOMENICA 26 NOVEMBRE ore 17.30

 “CERCHIO DI MEDITAZIONE CON DIDGERIDOO E HANDPAN” con GENESIO ANTONIELLO

Il cerchio si svolge in più fasi:
Inizieremo posizionandoci in cerchio e ponendoci in ascolto, ci caleremo in uno stato di quiete guidati dal suono primordiale del didgeridoo e tra l’uno e l’altro (li cambierò di tonalità), il silenzio approfondirà il contatto con se stessi.
Gli Aborigeni Australiani usano il Didgeridoo per emettere vibrazioni primordiali, qualità già espressa con i canti sacri, ricevuti per via mistica che, da un lato descrivono una mappa di un territorio, dall’altro sono vibrazioni morfogenetiche che contribuiscono a mantenere la forma di un territorio partecipando alla creazione della terra attraverso il suono.
Gli Aborigeni si pensa risalgano all’uomo di Neanderthal (circa 40.000 / 50.000 a.c), ed hanno mantenuto la loro cultura (il DREAMTIME) invariata, chi è entrato in contatto con loro testimonia capacità paranormali come telepatia, rabdomanzia umana, voli astrali, lungimiranza.
Il Didgeridoo è lo strumento sacro per eccellenza degli sciamani delle Tribù, la sua provenienza è legata alla storia rituale di questo popolo e quindi è antichissima. Nasce interamente in natura, le radici di Eucaliphtus Australiano vengono perforate dalle termiti, bucando il midollo interno morbido e lasciando intatte le pareti esterne, creano così canali nel legnio inimitabili permettendo allo strumento di emettere suoni unici.
La Respirazione Circolare è una tecnica importante per suonare il didgeridoo, essa permette sia di avere un suono continuo, sia un effetto aspirante, utilizzato con il giusto intento riesce ad aspirare impurita sul piano fisico, emozionale ed eterico.

GENESIO ANTONIELLO:
Suono il didgeridoo, l’handpan e il tamburello.
Ho una prima esperienza in età adolescenziale come musicista attraverso il pianoforte, nel mondo mistico e spirituale essendo nato e cresciuto in una famiglia di religiosi molto simili ai Catari e un’esperienza ambientale dovuta al disagio del terremoto dell’Irpinia.
Trasferito a Roma ho vissuto una breve esperienza musicale con una band di musica popolare chiamata i Tarantaraba, successivamente sono stato guidato ad impegnarsi nel’arte sciamanica e nello studio della musica come espressione dell’intuito che cura e armonizza.
L’incontro con Marco Ferrante, mi ha permesso di integrare parte dello sciamanesimo degli Aborigeni Australiani usando il didgeridoo come strumento di potere. Unito a percorsi personali di conoscenza e consapevolezza, il cammino sciamanico è diventato uno studio costante di osservazione e presenza, la condivisione attraverso i cerchi di guarigione, un’esperienza di unione e riconoscimento.

E’ necessaria la prenotazione ai numeri 069330880-3317711666 (anche whatsapp)
I POSTI SONO LIMITATI…AFFRETTATEVI!!!!
Ass. Cult. Armonia del Ki – via della Moletta 43 Ariccia (zona vallericcia).
Contributo di partecipazione 10 euro.
Necessario: Abbigliamento comodo, tappetino tipo yoga, copertina e cuscino, per chi non li avesse il centro metterà a disposizione i propri.